Quella "dannata" finestra di Jan Saudek

Click image to enlarge

Al di là del suo modo di esprimersi, del suo stile, assolutamente in linea col mio gusto (seppur muovendomi e cercando qualcosa di personale e più moderno), il dettaglio su cui vorrei soffermarmi, è quella "dannata" finestra.

è magnifico come in questo io mi senta un piccolo Saudek (scusate la presunzione), nel gesto più che nella rappresentazione. Mi spiego meglio. Utilizza quel poco che ha a disposizione, valorizza l'ambiente in cui lavora (lo scantinato) cercando di sfruttarlo al massimo, la finestra si ripete, ancora e ancora, ma con scatti diversi gli uni dagli altri (si aggiunge l'unicità della sua opera sopra la cui stampa dipinge con acquarello).
Spesso cerchiamo location, cose o idee... disperandoci, quando la risposta è intorno a noi. Tutto quello che può sembrare inutile, non sfruttabile, in realtà lo è. Eccome se lo è. Basta estrarlo dal suo contesto, immaginarlo diversamente, guardarlo in altro modo, coglierne l'aspetto più interessante.
Certo non dico che sia facile. Ma dico che è.