Trilogia del ritorno - Fred Uhlman

Click image to enlarge

estrapolato dal mio vecchio blog

Un intenso racconto sui sentimenti di un'amicizia nata in periodo Nazista, in Germania.
Originalissimo svolgimento; la prima parte è tutta raccontata dal punto di vista dell'ebreo, la seconda invece, dal punto di vista dello svevo.
...a volte pensiamo di essere così distanti dalla persona che ammiriamo, senza renderci conto che quella persona prova lo stesso per noi...

" (...) chiese Pompetzki piano.
< Mi ha detto di tornare in Palestina>, gli risposi.
, disse Pompetzki con un sorriso, < ma questo non è un insulto, mio caro Schwarz! E' un buon consiglio, da amico. Sedetevi tutti e due. Se volete battervi, battetevi fuori di qui quando volete. Ma ricordati, Bollacher, che ci vuole pazienza. Presto tutti i nostri problemi saranno risolti. E ora torniamo alla lezione di storia>."

" (...) ho tutto: un appartamento che guarda su Central Park e una casa in campagna, faccio parte di parecchie associazioni ebraiche, e così via. Ma io so come stanno le cose. Non ho mai fatto quel che desideravo fare veramente: scrivere un buon libro ed un'unica bella poesia. In principio mi mancò il coraggio perché non avevo soldi; adesso che ne ho mi manca il coraggio perché sono senza fiducia in me stesso. Quindi nel profondo del mio cuore, mi reputo un fallito."

" (...) La morte cancellava tutto. Alcuni uomini l'affrontano con indifferenza, dicevi, non perchè siano più coraggiosi, ma perchè hanno poca o nessuna immaginazione."