Tecniche di Seduzione Andrea De Carlo

Click image to enlarge

GRAN BELLA STORIA.
Sono esaltato dal finale, un brivido che è durato minuti interi. Qualche riga dalla fine inizi a pensare a mille cose e come possano risolversi in cosi poche righe, perche le vedi sono li, il nero sfuma in bianco…verso la fine del libro. Eppure quella riga finale è il Top. Che meraviglia, Andrea DeCarlo riesce a tenermi inchiodato sui suoi libri come pochi… e toccare tante questioni che mi riguardano nella maniera più fluida che possa esistere con la maturità consolidata che certamente non posso avere io.

Avvicinamento:

“la cosa terribile di una famiglia, o di qualunque storia sedimentata, è questo dare per scontato di esserci. Dare per scontato che uno torni a casa a mangiare, senza nessuna particolare sorpresa né contentezza quando succede. Dare per scontati tutti i gesti che prima sembravano così rari e preziosi . (…) Siamo noi che cerchiamo di fermare le cose che ci piacciono renderle più permanenti e sicure possibile, sottrarle ai pericoli del tempo e delle trasformazioni e dei cambiamenti d’umore. Ed è anche bella l’idea che due persone possano vivere insieme sicure e fiduciose, senza i sospetti e i giochi di contrappeso e i ricatti e le lusinghe fasulle di un rapporto instabile. Però è un idea, e quello che succede in realtà è che ci costruiamo intorno una prigione di certezze reciproche, e intanto le cose che volevamo salvare sono sgusciate fuori tra le sbarre”

Conquista:

(…) “ Per esempio volere quello che non ci danno, non volere quello che ci danno. Inseguire chi ci scappa, scappare da chi ci insegue. Se prendi un bambino è tutto lì. E non c’è nessuna evoluzione, né con l’esperienza, né con l’età né con niente. L’unica cosa che riusciamo a fare è complicare la superficie e inventare degli atteggiamenti, ma il meccanismo rimane lo stesso. Questa specie di regola della bilancia, una parte che sale quando l’altra scende, in modo del tutto automatico ed inevitabile”.

Possesso:

“ (…) Una passione si alimenta di quello che non sai di un’altra persona, molto più che di quello che sai. Se non la conosci e hai qualche elemento di partenza ti puoi immaginare qualsiasi cosa. Sovrapponi le tue fantasie alle zone d’ombra, e se ci sono tante zone d’ombra hai ancora più spazio, puoi farci stare dei sogni interi. Ma il guaio di una passione è che produce molta luce concentrata, è solo questione di tempo prima che rischiari ogni angolo. E di solito non ci trovi più molto, quando l’ombra si è dissolta”.

Abbandono:

be leggetevi il libro. ;)