Due di Due - Andrea De Carlo

Click image to enlarge

" pensavo a quanto le nostre vite erano state diverse in questi anni, e anche simili infondo, due di due possibili percorsi iniziati dallo stesso bivio"

un 'altro libro di cui non posso fare a meno di parlare. trovo che l'autore sia straordinariamente bravo a farlo vivere intensamente, a tal punto che dalla prima pagina all'ultima sembra sia passata una vita, non solo dei protagonisti ma anche del lettore ("leggere allunga la vita" diceva Daniel Pennac), e riesci a percepire il cambiamento di mentalità dei personaggi, la loro maturazione; riesce a trasmettere solitudine e compagnia, felicità e tristezza portando la nostra mente e le nostre emozioni esattamente dove vuole lui e come vuole lui!
Un percorso d'amicizia particolare, sotto un aspetto che non avevo mai preso in considerazione.

vi lascio con passo simpatico e la mia interpretazione di una copertina adeguata.

"si erano spinti in una valletta meravigliosa con un torrente, avevano sistemato la nonna su una sedia pieghevole per farle guardare l'acqua che scorreva. Poi erano andati nel bosco poco lontani a fare l'amore, e quando erano tornati la nonna era morta. Guido ha detto < per il puro piacere estetico, credo, la vista della piccola valle perfetta e il torrente cristallino e lo spazio senza limiti dopo aver guardato solo le pareti dell'ospizio per anni. E non avevamo la minima idea di cosa fare, l'abbiamo sdraiata sul sedile di dietro della macchina e coperta con un sacco a pelo e siamo tornati verso la città per avvertire qualcuno. Ci siamo fermati in un bar a telefonare e quando siamo tornati fuori ci avevano rubato la macchina con dentro la nonna morta>"