La Solitudine dei Numeri Primi - Paolo Giordano

Click image to enlarge

..estrapolato dal mio vecchio blog.

"Un libro meraviglioso, un giorno intenso di lettura e mille pensieri. divorato.
"mezz'ora o un giorno intero non faceva differenza. (...) lo sviluppo della sua percezione spazio temporale si era arrestato ad uno stato pre-cosciente" esattamente ciò che è successo a me... sono sprofondato in quelle righe dimenticando non solo spazio e tempo, ma anche il suono.

... e tra le tante frasi, una che mi è rimasta impressa con più forza è " le scelte si fanno in pochi secondi e si scontano per il tempo restante" certamente ne ero ben consapevole, eppure la sua formula espressiva è di grosso impatto, soprattutto nel secondo periodo. Le scelte si "scontano" suona come un fardello da portarsi addosso con sacrificio e sofferenza, ed il tempo restante che è la vita, improvvisamente sembra essere eterno. Ho sempre pensato che fosse una cazzata la frase "ciò che scegli corrisponde a ciò che in quel momento è meglio per te e ti rende felice" a volte si sceglie per il bene degli altri e non il proprio, ed in ogni caso qualunque scelta affrontiamo comporta una rinuncia e un "se" da trascinarsi addosso tutta la vita.

questa è la copertina, come la vedo e la sento io."