Click image to enlarge

Stabat Mater - MadreDonna

il passo che precede la pietà.
profondo, riflessivo.
uno sguardo, disperato e deluso al tempo stesso, verso il figlio morente. Un pensiero martellante sul perchè un uomo per metà divino avesse lasciato che lo
crocifiggessero.

un mondo spaccato a metà tra chi genera la guerra come fosse una partita di scacchi e chi la vive giorno dopo giorno tra bombe e grida tormentate .

Fuga in Egitto - MadreDonna

abbandonare la casa da un momento all’altro senza sapere dove andrai come ci arriverai.
abbandonare la propria vita.
quasi innumerevoli le anime che brancolano nel buio in cerca di salvezza.
profughi, minoranze, persone senza più un riferimento.

guardando al passato è forse cambiato qualcosa?
la storia ha certamente insegnato ma l’uomo ha mai imparato?
in questa folla viviamo il paradosso:
il punto di libertà rappresenta l’oppressione. ognuno scavalca il prossimo senza badare a conseguenze, nutrito solo dal proprio ego.

Natività - MadreDonna

La Madonna con bambino rappresenta colei che dà la vita, quindi la vita stessa in senso generico. da bambino ad adulto.
Che relazione instaura la madre con lui?
lo amerà incondizionatamente?

si evidenzia l’atteggiamento polemico dei giorni nostri.
l’identità della madre affievolisce in una
società che impone desideri e sentimenti, strumentalizza la fede attraverso la condanna, la colpa, il potere, lo spirito e la politica.

alle polemiche seguono i fatti o ai fatti si accavallono le polemiche?

Magnificat - MadreDonna

simboleggia l’umiltà, la disponibilità e la semplicità, dietro cui si cela la vera forza d’animo che alimenta i “giusti”.

un mondo contaminato rischia di perdere questi valori. in questo terreno scivoloso ed instabile possiamo ancora contare su noi stessi? siamo pronti ad inginocchiarci? a ferirci? rialzarci? pronti per aiutare il prossimo?
descrive l’interazione tra ambiente-uomo e ambiente-società.
una distesa di fango mista con prodotti commerciali ed orme di scarpe.
qui, a piedi nudi, si muove un’anima, ora caritatevole, ora povera ed indifesa.

Annunciazione - MadreDonna

questo passo simboleggia la speranza, l’arrivo di una vita che possa migliorare l’esistenza umana nei rapporti e nel rispetto reciproco.

oggi mi viene annunciata solo morte e sofferenza, raggiunta nei modi più cruenti.
e’ certamente un tipo di informazione che sovrasta le altre per importanza ma ancor più ci pone di fronte ad una realtà in cui ci sentiamo impotenti, impauriti, o forse distanti e codardi?
l’angelo diviene così la morte, con le sue ali antiche e decadenti, consumate dall’eternità e protese verso un destino già segnato.

MadreDonna - testo a cura di Sandro Iovine

"S'i' fosse foco, arderei 'l mondo; s' i' fosse vento, lo tempesterei; s'i' fosse acqua, i' l'annegherei; s'i' fosse Dio, mandereil'en profondo" e s'i fosse critico d'arte invocherei i nomi che han fatto la storia dell'arte occidentale per descrivere un lavoro che spazia sincreticamente all'interno di un arco temporale che dal medioevo lambisce i giorni nostri. L'immersione nella riflessione sul contemporaneo non può infatti prescindere dal portato storico che emerge iconicamente nella contaminazione formale che si rifà a canoni consolidati, ancorché non accettati in modo passivo.

Pagine